Forche dure – Profitto attraverso la selezione dei nomi

“Free Money” è anche una parola d’ordine per un altro fenomeno: Hard Fork, in realtà un termine per un aggiornamento del protocollo che non è compatibile verso il basso, è attualmente percepito solo come una spaccatura a catena – e di conseguenza molti pensano solo al denaro libero.

Questo è dove si deve avviare la macchina di marketing di Bitcoin evolution!

Naturalmente le forchette rigide possono avere senso. Infine, sono anche un aspetto importante della Bitcoin evolution. Se avete sempre nuove idee per una certa catena di blocchi, potete proporle rapidamente al mercato. Nessuna proposta decisa a livello centrale, nessuna rete di prova seguita da pochissimi appassionati di crittografia, ma il mondo reale e il mercato reale decidono sulle innovazioni del protocollo.

Tuttavia, è un problema che anche qui si pratica una sorta di crittografia equivalente per l’hacking della crescita. Forchette che si basano su grandi valute o si adornano con i loro nomi come fare uso dell’associazione con la valuta originale cripto. Ciò assume caratteristiche grottesche quando una moneta non ha nulla a che fare con il codice di chi dà il nome o quando, contrariamente alle misure di sicurezza richieste della moneta originale, la rivendicazione di monete sulla forchetta è motivata. Abbinato ad annunci, questo può garantire una pompa adeguata.

Annunci – Pump through Annunci
Ma cosa succede se hai già una moneta all’esterno e vuoi entrare nell’illustre club dei primi 100? Richiede quindi aggiornamenti di protocollo meno interessanti, come la scalatura fuori catena delle transazioni – che è troppo lontano nel pensiero.

Il mercato della crittografia è veloce e nervoso

Molti investitori non comprano e vendono sulla base di un protocollo scalabile o di una fantastica esperienza utente, ma a causa di notizie evidenti. E sono veloci da portare: Le partnership, (presunti) ex dipendenti di grandi aziende che aderiscono al progetto, le quotazioni in borsa o altri annunci sono da tempo un mezzo efficace per suscitare l’interesse degli acquirenti.

Le partnership sono sempre una bella cosa. Se questi sono reali o più di labiale servizio è secondario. È importante che il nome della moneta crypto sia accanto a qualsiasi altro progetto. Cinismo a parte: le partnership con Microsoft, BMW, BMW, SAP o aziende simili sono certamente una pietra miliare. Troppo spesso, tuttavia, ricorda il servizio a parole che i rappresentanti delle grandi imprese rendono alla cultura delle start-up. Tuttavia, non sono state create grandi innovazioni grazie a joint venture con start-up. Fino a quando una partnership non è legata a un obiettivo concreto, è prima di tutto una pura pausa pubblicitaria.

Anche i marchi sono spesso una cosa del tutto comprensibile. Rivedere la user experience di tutti i prodotti, ridisegnare il logo come parte di un riorientamento degli obiettivi del progetto, elaborare una nuova roadmap, magari anche per cambiare il nome – tutto comprensibile. Ma spesso si fa finta che un rebrand è un grande evento che aumenterà drasticamente il valore di una moneta criptata. Lo stesso vale qui come nel caso delle partnership: senza, ad esempio, un miglioramento della funzionalità, si ha a che fare solo con una pompa a breve termine.

Probabilmente il mio problema con le partnership e rebrands è l’inflazione negli annunci che ci sono attualmente di valute cripto. Le partnership sono annunciate (ma non menzionate), viene annunciato un rebrand, viene annunciata una quotazione in borsa, sì, viene annunciato un annuncio – e il mercato sta attraversando.

Per cui la forma corretta sarebbe quella del passato. Mentre la gente ha reagito nervosamente ad ogni annuncio all’inizio dell’anno, il mercato è di nuovo un po’ più calmo.